Palestina: al nastro di partenza



Da lontano si sente il suono delle campane, dopo qualche minuto parte il richiamo alla preghiera del muezzin… Ci troviamo a Betlemme, Palestina, all’incrocio di quattro vie importanti: Gerusalemme, Hebron, Beit Jala e Old Bethlehem, Basilica compresa. Ecco l’istituto Effeta – Paolo VI. Le mura bianche di pietra locale e le piante curate del giardino, rischiarano e ingentiliscono per quanto possibile il traffico caotico della zona.

Da quarant’anni a questa parte, l’istituto è gestito dalle suore Maestre di Santa Dorotea di Vicenza, e ospita una scuola che accoglie ogni anno circa 150 bambini audiolesi di ogni religione costituendo di fatto, nell'esperienza quotidiana, un nucleo educativo alla convivenza e alla tolleranza reciproca.

L’educazione è strettamente di tipo oralista: i ragazzi utilizzano la comunicazione verbale, sia in aula sia durante la vita normale. Le maestre parlano, utilizzano la voce e lo scritto e pretendono un riscontro verbale e/o scritto da parte degli alunni.

Su invito della direzione, abbiamo visitato il centro nel mese di gennaio, per valutare le necessità di questa struttura e la fattibilità di un piano di intervento per potenziarne le attività. Ci affiancheremo ai loro operatori e forniremo nuove strumentazioni per completare l’eccellente lavoro che già oggi viene svolto a favore dei bambini sordi in questo bellissimo angolo di medio-oriente.